Fondazione Critica Liberale   'Passans, cette terre est libre' - Abbiamo scelto come logo la fotografia d'un autentico 'Albero della Libertà ancora vivente. È un olmo che fu piantato nel 1799 dai rivoluzionari della Repubblica Partenopea, Luigi Rossi e Gregorio Mattei, a Montepaone Superiore, paese dello Jonio catanzarese. La scritta &lequo;passans ecc.» era qualche volta posta sotto gli 'Alberi della Libertà' in Francia.
 
Direttore: Enzo Marzo

Dal 1969 la voce del pensiero laico e liberale italiano e della tradizione politica che difende e afferma le libertà, l'equità, i diritti, il conflitto.

"Critica liberale" segue il filo rosso che tiene assieme protagonisti come Giovanni Amendola e Benedetto Croce, Gobetti e i fratelli Rosselli, Salvemini ed Ernesto Rossi, Einaudi e il "Mondo" di Pannunzio, gli "azionisti" e Bobbio.

volume XX n.217-218 novembre-dicembre 2013

IX RAPPORTO SULLA SECOLARIZZAZIONE - III DOSSIER SULLE CONFESSIONI RELIGIOSE E TV - IV DOSSIER SULLE CONFESSIONI RELIGIOSE E TELEGIORNALI

INDICE

IX RAPPORTO SULLA SECOLARIZZAZIONE
259. silvia sansonetti, la secolarizzazione in italia
tabelle e grafici
.
III DOSSIER SULLE CONFESSIONI RELIGIOSE E TV
IV DOSSIER SULLE CONFESSIONI RELIGIOSE E TELEGIORNALI
272. felice mill colorni, si rafforza il monopolio televisivo
275. valeria ferro, un anno di televisione
tabelle e grafici
289. tempi di notizia dei soggetti confessionali
291. tempi di parola dei soggetti confessionali
294. focus su papa benedetto XVI
.
PAROLE, PAROLE, PAROLE
295. maria gigliola toniollo, cambiamento di immagine
297. enzo marzo, poche chiacchiere
299. carlo augusto viano, comunitarismo e secolarizzazione
nella chiesa
304. paolo bonetti, le illusioni di certi laici
306. valerio pocar, preconcetti antropocentrici
308. critica liberale, lettera a Papa Francesco
309. pierfranco pellizzetti, ora aspettiamo i fatti
311. sandro mancini, uno sprone per i protestanti
311. marcello vigli, francesco tenta una vera riforma
312. gaetano pecora, né forca né arco trionfale
313. carlo flamigni, che molli la presa
314. tommaso dell’era, teocrazia, diritti umani e abusi sui minori
319. mirella parachini, chi ha paura del farmaco
319. giovanna caltanissetta, il peso della tradizione cattolica
.
321. Indice dell’annata 2013
.
.
.
.
.
Il numero 217-218 di “Critica liberale” può essere acquistato anche on line attraverso il sito delle Edizioni Dedalo con transazione crittografata e protetta.
QUESTO FASCICOLO SUI DOSSIER LAICI, CHE COSTA 10 EURO,  SARA' INVIATO GRATUITAMENTE A COLORO CHE SI ABBONERANNO A CRITICA LIBERALE 2014 (35 EURO PER L'EDIZIONE CARTACEA E 20 EURO PER L'EDIZIONE DIGITALE)
Per maggiori informazione collegarsi al sito www.edizionidedalo.it



GLI STATI UNITI D'EUROPA

Dal 2003 "Critica liberale" pubblica il supplemento mensile
"Gli Stati Uniti d'Europa"

Diretto da:
Giulio Ercolessi, Francesco Gui, Beatrice Rangoni Machiavelli

 
newsletter

Iscriviti a RadioLondra
la newsletter di Critica

 
libelli

 
network






 
partner





 
home chi siamo cosa facciamo link cerca nel sito
Mauro Barberis, Daniele Garrone, Sergio Lariccia, Giancarlo Lunati, Federico Orlando, Claudio Pavone, Alessandro Pizzorusso, Stefano Rodotà, Gennaro Sasso, Carlo Augusto Viano, Gustavo Zagrebelsky

* Hanno fatto parte del Comitato di Presidenza Onoraria: Norberto Bobbio (Presidente), Vittorio Foa, Alessandro Galante Garrone, Italo Mereu, Paolo Sylos Labini.

Consulta i nostri testi cliccando sui libri:


 
in evidenza
libere opinioni

etica pubblica e rappresentanza

i gessetti di sylos

Come nascono gli stipendi spropositati dei manager? (n.167)

passo dopo passo - gli stati uniti d'europa

L’Europa è stanca

i gessetti di sylos

Un bluff chiamato Equitalia (n.166)

15.04.2014

libero mercato

Lo spazio dei lettori.
Eventi, segnalazioni, convegni...

stefano sylos labini - l'intervento dello stato

stefano sylos labini - l'intervento dello stato

Nessun commento
Assemblea SD di Chianciano (Stefano Sylos Labini) Oggi esiste un largo consenso sul fatto che la deregolamentazione del sistema finanziario e le tendenze energetiche, ambientali ed alimentari non sono pisostenibili, che un intervento dello Stato in nuove forme sempre pinecessario, ma ancora manca una base teorica di riferimento per orientare le scelte politiche concrete. Sappiamo che difficile riproporre i modi di intervento tradizionali che nel passato avevano visto crescere gli apparati e la spesa pubblica. Bisogna dire che per alcuni versi il centrodestra ha presentato dei piani di intervento ben pidiretti, anche se non condivisibili, rispetto al Partito Democratico. Il PD, dopo aver effettuato delle privatizzazioni aberranti come Telecom e Autostrade, si inchinato all’ideologia della concorrenza e delle liberalizzazioni senza capire che in diversi settori come quello energetico, bancario, assicurativo, vi il dominio di pochi produttori che controllano e si spartiscono il mercato. Il centrodestra sta invece proponendo degli interventi estremamente centralizzati come il rilancio dell’energia nucleare e la costruzione del Ponte di Messina che, se da un lato sono piin linea con una politica di programmazione dello sviluppo quale deve essere una politica di sinistra, non sono percondivisibili poichsi tratta di scelte molto costose, impraticabili, con tempi lunghi e dai ritorni incerti. Anche gli aumenti della tassazione sulle banche e le imprese energetiche comportano dei rischi perchsi potrebbero scaricare sui prezzi finali ai consumatori (tassi sui prestiti, carburanti, elettricit, ma hanno il pregio di mettere sotto i riflettori i soggetti che negli ultimi tempi hanno conseguito i profitti pielevati. Ricordiamoci che il Governo Prodi aveva ridotto le imposte alle compagnie petrolifere adottando una misura tipica di un governo di destra. Oggi le forze di sinistra non solo devono difendere i diritti dei lavoratori ed i redditi delle fasce sociali pideboli oltre ad impegnarsi nella salvaguardia dell’ambiente e del territorio, ma hanno anche il compito di rilanciare gli investimenti sia pubblici che privati per modernizzare il sistema di produzione e le infrastrutture e per ridurre il divario tra il Mezzogiorno e il resto del Paese. Inoltre, assolutamente indispensabile puntare su una politica di risparmio, volta a contrastare gli sprechi di risorse, materiali ed energia che in certi settori come quello dei trasporti e dei consumi di massa raggiungono livelli altissimi. Considerando le ristrettezze del bilancio pubblico, sarnecessario coinvolgere le banche in un nuovo patto sociale insieme ai sindacati e alle imprese per il finanziamento degli investimenti privati, perchle banche si devono assumere le loro responsabilitin modo chiaro di fronte al Paese. Poi bisogna spingere le grandi societenergetiche ancora sotto il controllo dello Stato come ENI ed ENEL ad aumentare in modo consistente le spese in ricerca e gli investimenti nelle fonti rinnovabili sul territorio nazionale. Inoltre, necessario un intervento attivo dello Stato attraverso le grandi imprese, le universite i centri di ricerca per spendere al meglio i cospicui finanziamenti europei e nazionali destinati al Mezzogiorno. Gli obiettivi prioritari della politica industriale devono essere la crescita della produzione di energia rinnovabile, la diffusione dell’impiantistica ad alta efficienza e basso impatto ambientale, il potenziamento dei trasporti pubblici ecologici, l’utilizzo di tecnologie per la selezione, il trattamento e il riciclaggio dei rifiuti. Si tratta di settori e di prodotti che stanno avendo una fortissima espansione occupazionale, produttiva e finanziaria in tutto il mondo. Il blocco socio-economico a cui far riferimento potrebbe comprendere oltre alle fasce sociali pideboli; le forze finanziarie e imprenditoriali che possono essere coinvolte in un progetto per ridurre la dipendenza dell’Italia dai combustibili fossili importati; i settori della pubblica amministrazione, come quello degli insegnanti, che avranno un ruolo strategico nella formazione delle nuove leve. Il potenziamento della scuola pubblica indispensabile non solo per l’istruzione ma anche perchla scuola svolge un ruolo fondamentale per la coesione sociale e per l’integrazione degli immigrati. In conclusione, spero che si riesca a costruire una nuova forza politica che possa presentarsi alle elezioni europee del 2009 con una struttura organizzativa solida, una chiara strategia ed obiettivi realistici.

{ Pubblicato il: 08.07.2008 }




Stampa o salva l'articolo in PDF

Nessun commento