Fondazione Critica Liberale   'Passans, cette terre est libre' - Abbiamo scelto come logo la fotografia d'un autentico 'Albero della Libertà ancora vivente. È un olmo che fu piantato nel 1799 dai rivoluzionari della Repubblica Partenopea, Luigi Rossi e Gregorio Mattei, a Montepaone Superiore, paese dello Jonio catanzarese. La scritta &lequo;passans ecc.» era qualche volta posta sotto gli 'Alberi della Libertà' in Francia.
 
Direttore: Enzo Marzo

Dal 1969 la voce del pensiero laico e liberale italiano e della tradizione politica che difende e afferma le libertà, l'equità, i diritti, il conflitto.

"Critica liberale" segue il filo rosso che tiene assieme protagonisti come Giovanni Amendola e Benedetto Croce, Gobetti e i fratelli Rosselli, Salvemini ed Ernesto Rossi, Einaudi e il "Mondo" di Pannunzio, gli "azionisti" e Bobbio.

volume XXIV, n. 231 primavera 2017

....................... IL PAESE E' MARCIO - MA C'E' UN'"ALTRA ITALIA"?

INDICE

astrolabio
.
3. enzo palumbo, bello e impossibile! - un sistema elettorale liberale
5. riccardo mastrorillo, il sistema ideale
6. pierfranco pellizzetti, la truffa semantica del populismo
12. carla rossi, sullo stato delle tossicodipendenze
.
crocodile
.
17. pier virgilio dastoli, più ponti e nessun muro
.
l’osservatore laico
.
19. maurizio fumo, “ne cives ad arma veniant”
22. andreamaestri, pedofilia ecclesiastica e concordato
23. mozione, contro ogni privilegio che copre l’abuso sessuale
25. carla corsetti, perché la chiesa protegge ancora i preti stupratori
27. gaetano salvemini, la politica ecclesiastica nell’italia di domani
.
critica liberale
.
32. fondazione critica liberale, che fare dopo il referendum
.
l’altra sinistra
.
33. vincenzo visco comandini, federico comandini, azionista
35. ferruccio parri, uniti contro il dogmatismo e l’opportunismo
36. italo pattarini, un pugno di uomini
37. federico comandini, panorama dell’italia libera
.
quaderno gobettiano
.
47. pietro polito, la forma della rivoluzione liberale
.
lo spaccio delle idee
.
51. pierfranco pellizzetti, liberalismo, liberalismi, socialismo
.
la lezione
.
54. paolo bagnoli, piero gobetti: l’oppositore illiberale?
.
.
.
Critica liberale può essere acquistata anche on line attraverso il sito delle Edizioni Dedalo con transazione crittografata e protetta.
.
.A ROMA IL FASCICOLO PUO' ESSERE ACQUISTATO ANCHE PRESSO L'EDICOLA DEI GIORNALI IN PIAZZA DEL PARLAMENTO.
.
Il numero di “Critica liberale” può essere acquistato nelle seguenti librerie:
&&&&&&&&&& PIEMONTE &&&&&&&&&&
BORGOMANERO
EP, v.le marazza, 10  galleria principe
VERBANIA
MARGAROLI, corso mameli, 55
&&&&&&&&&& LOMBARDIA &&&&&
ASSAGO
INTERNET, via verdi, 8
BRESCIA
CENTRO, via di vittorio, 7/c
CENTRO, via galvani, 6 c/d (SAN ZENO)
MILANO
PUCCINI, via boscovich, 61
EMME ELLE, via marsala, 2
FELTRINELLI, corso buenos aires, 33/35
FELTRINELLI, via u. foscolo, 1/3
FELTRINELLI, via manzoni, 12
PUCCINI, c.so buenos aires, 42
TADINO, via tadino, 18
&&&&&&&&&& VENETO &&&&&&&&&&
TREVISO
CANOVA, piazzetta lombardi, 1
VICENZA
GALLA, c.so palladio, 11
GALLA LIBRACCIO, corso palladio, 12
&&&&&&&&&& TRENTINO ALTO ADIGE&&
TRENTO
RIVISTERIA, via s. vigilio, 23
&&&&&&&&&& EMILIA-ROMAGNA &&
BOLOGNA
FELTRINELLI, via dei mille, 12/abc
PARMA
FELTRINELLI, strada farini, 17
RAVENNA
FELTRINELLI, via diaz, 4-6-8
REGGIO EMILIA
UVER, viale e. simonazzi, 27
UVER, via maestri del lavoro, 10/b
&&&&&&&&&& UMBRIA &&&&&&&&&&
TERNI
ALTEROCCA, corso cornelio tacito, 29
&&&&&&&&&& LAZIO &&&&&&&&&&
ROMA
EDICOLA GIORNALI, piazza del parlamento
FELTRINELLI, largo torre argentina, 5
&&&&&&&&&& PUGLIE &&&&&&&&&&
BARI
FELTRINELLI, via melo, 119




sue
 
newsletter

Iscriviti a RadioLondra
la newsletter di Critica

 
libelli

 
network







 
partner





 
home chi siamo cosa facciamo link cerca nel sito
comitato di presidenza onoraria
Mauro Barberis, Piero Bellini, Daniele Garrone, Sergio Lariccia, Pietro Rescigno, Gennaro Sasso, Carlo Augusto Viano, Gustavo Zagrebelsky.

* Hanno fatto parte del Comitato di Presidenza Onoraria: Norberto Bobbio (Presidente), Vittorio Foa, Alessandro Galante Garrone, Giancarlo Lunati, Italo Mereu, Federico Orlando, Claudio Pavone, Alessandro Pizzorusso, Stefano Rodotà, Paolo Sylos Labini. Ne ha fatto parte anche Alessandro Roncaglia, dal 9/2014 al 12/2016.

Consulta i nostri testi cliccando sui libri:


 
26.07.2017

il presepe

Lo spazio dei lettori.
Eventi, segnalazioni, convegni...

i liberali e le primarie

riccardo mastrorillo

6 commenti

In questi giorni molti di noi hanno ricevuto una mail firmata da “Liberali Italiani” in cui si invitava ad accorrere alle primarie del PD per sconfiggere Renzi.  (in calce troverete il testo)

Come sapete la nostra posizione, nei confronti di queste e di altre primarie, è fermamente critica, ricordiamo, anche se vi sarà venuto a noia, che non vi è certezza del corpo elettorale, non vi è certezza di regolare procedimento, vi è una sostanziale soglia per candidarsi pari al 10% del partito e, soprattutto, non vi sono regole per garantire le pari opportunità di comunicazione per tutti i candidati.  Qualche giorno fa, proprio sul sito, scrivemmo del disgustoso appello di Emiliano agli elettori 5 stelle, e della sinistra, affinché andassero a votare per lui per mandare a casa Renzi….

http://www.criticaliberale.it/news/236354

ricordiamo, ancora una volta che possono partecipare alle primarie gli iscritti al PD e coloro che si dichiarino “elettori del partito democratico”. La proposta di liberali italiani è di truffare i truffatori, noi non siamo d’accordo!  Le buone ragioni della mail, dimostrano proprio la profonda perversione di un istituto che, passa per democratico, ma che è il suo contrario. Ogni Liberale deve sentire l’obbligo morale di denunciare questa barbarie, non certo di farsene correo. Auspichiamo un sano ripensamento di chi, travolto dal comprensibile terrore di un ritorno del “l’uomo solo al comando”, è caduto nella trappola mortale di abbassarsi ai suoi perfidi strumenti, col rischio che nei  prossimi giorni anche Alfano faccia un appello ai suoi invitandoli a votare per Renzi….

 

Il testo della mail:

“I Liberali Italiani hanno sostenuto con fermezza la sovranità del cittadino minacciata  dalla proposta di riforma costituzionale. Oggi rilevano un nuovo grave pericolo. Il pericolo che il partito più grosso della sinistra, il PD, torni nelle mani di chi i cittadini hanno sconfitto nel referendum, respingendo un primo assalto delle concezioni oligarchiche . Per sconfiggere ancora questo pericolo, i Liberali Italiani invitano i cittadini ad autotutelarsi alle primarie del PD dando  un voto che mantenga sotto il 50%  chi ripropone la sua concezione oligarchica, quasi il referendum del 4 dicembre non ci fosse stato e quasi i fatti non avessero smentito la sua pretesa che  basti dichiarare una cosa  per farla accadere. Ciò riguarda tutti gli italiani, non solo la sinistra. Il collegamento tra parlamento e volere dei cittadini così come il costruire le istituzioni , vivono del confronto tra le varie proposte di cambiamento nella libertà formulate da ogni gruppo democratico, sinistra inclusa. Ma se la sinistra finisse tra i nemici della sovranità del cittadino, le sue proposte diverrebbero irricevibili, non ci sarebbero equilibri democratici  e si potenzierebbe la reazione di chi ritiene il parlamento incapace di  affrontare i problemi. Il danno per la libera convivenza sarebbe forte.

Cittadini, il 30 aprile alle primarie PD votate i candidati nuovi.

 


{ Pubblicato il: 20.04.2017 }




Stampa o salva l'articolo in PDF

Argomenti correlati: primarie, renzi, liberali, emiliano - 6 commenti


Commento inserito da francesco il 21.04.2017:
La faccenda è grave. Vorrei proprio sapere chi sono questi volponi di Liberali Italiani. Ma poi, i birbaccioni, saranno veramente italiani? Secondo me si tratta di un gruppetto di liberali belgi che dopo avere acquistato la Fontana di Trevi si è gettato a capofitto nella lettura di Machiavelli.
Commento inserito da Liberali Italiani il 22.04.2017:
E’ raziocinante eppure non condivisibile la tesi di Mastrorillo contraria all’invito agli italiani a votare il 30 aprile alle primarie PD i candidati nuovi alla Segreteria, mentre il successivo commento di Francesco è un patetico (e fallito) tentativo di essere spiritoso del tutto non condivisibile. Mantenendoci al ragionare, le questioni sono due. Una nel merito dell’invito, una nel suo retroterra politico. Nel merito, insistiamo con decisione nell’invitare gli italiani a votare il 30 aprile come già proposto, poiché – proprio per le storture complessive che Mastrorillo non nega, anzi amplia – il ritorno alla Segreteria dell’oligarca che neppure si è pentito della proposta di riforma costituzionale perseguita, è un danno forte per tutti gli italiani in quanto rende non credibile e impraticabile qualsiasi successivo apporto politico del PD alla costruzione democratico parlamentare delle riforme necessarie al paese. E’ chiaro che anche nel deprecato caso del ritorno dell’oligarca, la vita continuerà e vedremo allora cosa fare, ma le condizioni civili degli italiani saranno ulteriormente assai peggiorate. Perciò invitiamo Critica a diffondere parecchio in questi sette giorni l’appello dei Liberali Italiani, poiché è comunque positivo contribuire al dibattito sulle forti ragioni civili per cui è bene che l’oligarca non riesca a risuscitare. Quanto al retroterra politico, non vorremmo turbare il disaccordo di Mastrorillo, ma sì, i liberali italiani si propongono di truffare i truffatori. Non siamo ad un seminario universitario in cui si discetta di teorie sulla partecipazione politica più coerente con il metodo liberale. Siamo in una guerra mediatica in cui i fautori dell’oligarca – seppure calati dal 90% dell’epoca del referendum del 4 dicembre a forse un 65/70% – continuano imperterriti a drogare il dibattito politico con notizie false e promesse prive di concretezza per rimettere in sella il loro adorato oligarca. Allora, è bene che i liberali sappiano mischiarsi perfino con i truffatori per riportare il dibattito politico alla realtà ed evitare alla convivenza civile un arretramento molto pericoloso sulle rive oligarchiche. Questo mischiarsi non è abbassarsi a perfidi strumenti ma smetterla di confondere il metodo tollerante dei liberali con il distacco dalla realtà tipico delle pratiche perbenistiche che si compiacciono dell’ammonire gli avversari senza agire nel momento concreto. Se anche la sinistra divenisse dichiaratamente oligarchica, gli italiani di sinistra o meno, sempre più disperati, saranno sempre più propensi a cercare la palingenesi democratica nei teatri genovesi e non nelle aule parlamentari (che restano l’obiettivo sempre verde della politica liberale). Liberali Italiani <<<<<REPLICA DELLA REDAZIONE:Pur rispettando la posizione di “Liberali italiani”, restiamo convinti del fatto che il liberale deve anteporre le regole dello stato di diritto a qualsiasi necessità contingente. Queste pseudoprimarie non hanno nulla a che vedere coi principi democratici, compito dei liberali è continuare a ripeterlo fino allo sfinimento. Ci sovviene, ancora una volta alla mente, quella frase di Ortega y Gasset, così cara a Benedetto Croce: «Il liberalismo, l'idea più alta che sia stata inventata finora dall'umanità, l'idea europea per eccellenza, ha questa nativa eleganza: non sa lottare se non regalando prima la sua unica arma al nemico»>>>>>
Commento inserito da Liberali Italiani il 22.04.2017:
La replica della Redazione mantiene il dissenso raziocinante ma, a parte l’opinabile richiamo allo stato di diritto in un’ottica lontana dalle necessità contingenti, continua a non spiegare l’essenziale. Cioè il motivo per cui votare alle primarie PD significherebbe accettarle e per cui tale accettazione sarebbe talmente grave dal dover anteporre il rifiutarle all’impedire il ritorno dell’oligarca in uno snodo chiave. Per noi non è così. Votare in primarie con la struttura illiberale da voi descritta, non significa affatto accettarle bensì provare a mitigarne gli effetti. E impedire il ritorno dell’oligarca è assai più importante per il paese che non l’eleganza nel comportarsi dei liberali. Non a caso voi della Redazione citate due grandissimi liberali di un secolo fa, però lo fate sotto un profilo riconducibile a quel prepartito crociano, che infiniti lutti indusse all’amatissimo PLI, nonostante sia stato l’unico partito coerentemente fautore dei principi del liberalismo. Liberali Italiani -------------------------------------------------- <<<<REPLICA DI PIERO GOBETTI:Solo per un momento, quando le ambizioni fasciste prevalsero sulla volontà del duce, e le elezioni furono decise, noi dubitammo compromesse e giuocate le astuzie del bel tenebroso. E veramente, se gli oppositori del fascismo non fossero pressoché tutti fascisti mancati, quella era un'occasione trionfale per prendersi gioco dei piani governativi. Bastava che nessuno pensasse sul serio alle elezioni, che si rispondesse con la canzonatura del silenzio alla campagna bandita da Roma. Mussolini chiama il popolo alle urne: l'opposizione si rifiuti di battersi su questo terreno, sventi il gioco totalitario della demagogia fascista. Con una decisione di questo genere gli oppositori si sarebbero divertiti gratis allo spettacolo di tre o quattro mesi di lotta feroce all'interno del partito fascista e del filofascismo; e a veder nascere proprio nei quadri dell'unanimità mussoliniana ortodossia e eterodossia, eresie e fronde, contrasti e difese. Eroi e donchisciotti, visti alla ricerca della medaglietta, erano sgominati dal ridicolo e dall'ironia. Ma una tattica così audace e rivoluzionaria si può chiedere solo a gente disperata, a gente che abbia capito che Mussolini non, si liquida con gli intrighi di corridoio. Gli italiani sono invece astuti, super-politici, super-machiavellici. Nessuno dispera, pur che rimanga una possibilità, di riguadagnare la medaglietta, e se cento sono gli aspiranti per un solo seggio ognuno ha la certezza in cuore che con l'intrigo e l'inganno gli riuscirà di giocare l'amico e l'avversario. La lotta deve essere feroce e diretta ad hominem contro il corruttore, consci che si è una minoranza, e non si vuole realizzare, ma salvare il futuro. Piero Gobetti in Rivoluzione Liberale 12 febbraio 1924>>>>>
Commento inserito da Liberali Italiani il 27.04.2017:
Ci scusiamo per il ritardo nel replicare alla vostra risposta formulata tramite la citazione di Gobetti. Ciò detto, osserviamo che una citazione fuori del suo contesto è qualcosa di non coerente nel profondo con il metodo liberale in quanto postula che le situazioni non mutino nel tempo. In questo caso, Gobetti è morto più di 90 anni fa e dunque non poteva disporre di tutti i dati di valutazione degli esiti delle proposte da lui allora avanzate. Quella di non pensare sul serio alle elezioni non venne adottata dagli antimussoliniani, ma, quando quattro mesi dopo Matteotti venne punito dalle squadracce per l’audacia del suo intervento alla Camera, la logica della proposta gobettiana venne adottata e più di 120 deputati abbandonarono i lavori parlamentari, anche senza definirsi gli unici rappresentanti legittimamente eletti, come lui avrebbe voluto ( è noto che non uscirono dall’Aula i pochi comunisti). Oggi nel 2017 noi possiamo disporre degli effetti della scelta aventiniana ( l’Aventino ha reso involontariamente più facile un grave regresso di libertà per un ventennio), ragion per cui ci pare davvero singolare che vi dedichiate alle rievocazioni storiche senza affrontare le domande che vi abbiamo puntualmente posto circa la necessità di cercare, questo 30 aprile, di impedire il ritorno dell’oligarca. Questione che riguarda tutti i cittadini, non solo quelli intenzionati a votare PD. Secondo noi questa è lotta vera e non solo a parole, “feroce e diretta per salvare il futuro” (utilizzamo le parole di Gobetti da voi riportate). Pertanto, in mancanza di risposte attuali, rinnoviamo l’invito a dare una mano anche voi. Liberali Italiani
Commento inserito da Riccardo Mastrorillo il 27.04.2017:
confermo la convinzione che le primarie siano una truffa e che questo vada denunciato, ma ancora mi sfugge cosa ne pensino "liberali italiani". Mi pare, peraltro, di trovarmi in buona e autorevole compagnia, in questa convinzione. Resta il fatto che "liberali italiani" facendo quella proposta, oltre a legittimare la truffa, si comporta esattamente come descriveva 90 anni fa Gobetti: pensa infatti di sconfiggere l'oligarca, con un piccolo intrigo di corridoio, sovrastimando peraltro, in modo un pò grottesco, la capacità di mobilitare le masse, che ai liberali è sempre mancata.
Commento inserito da Maccch. il 28.04.2017:
E’ principati acquistonsi o con le armi d’altri o con le proprie, o per fortuna o per virtù, o con voti corretti, ma spesso ruinosi, o con molteplici voti nello medesimo seggio con barbe e occhiali finti.