Fondazione Critica Liberale   'Passans, cette terre est libre' - Abbiamo scelto come logo la fotografia d'un autentico 'Albero della Libertà ancora vivente. È un olmo che fu piantato nel 1799 dai rivoluzionari della Repubblica Partenopea, Luigi Rossi e Gregorio Mattei, a Montepaone Superiore, paese dello Jonio catanzarese. La scritta &lequo;passans ecc.» era qualche volta posta sotto gli 'Alberi della Libertà' in Francia.
 
Direttore: Enzo Marzo

Dal 1969 la voce del pensiero laico e liberale italiano e della tradizione politica che difende e afferma le libertà, l'equità, i diritti, il conflitto.

"Critica liberale" segue il filo rosso che tiene assieme protagonisti come Giovanni Amendola e Benedetto Croce, Gobetti e i fratelli Rosselli, Salvemini ed Ernesto Rossi, Einaudi e il "Mondo" di Pannunzio, gli "azionisti" e Bobbio.

volume XXIV, n. 231 primavera 2017

....................... IL PAESE E' MARCIO - MA C'E' UN'"ALTRA ITALIA"?

INDICE

astrolabio
.
3. enzo palumbo, bello e impossibile! - un sistema elettorale liberale
5. riccardo mastrorillo, il sistema ideale
6. pierfranco pellizzetti, la truffa semantica del populismo
12. carla rossi, sullo stato delle tossicodipendenze
.
crocodile
.
17. pier virgilio dastoli, più ponti e nessun muro
.
l’osservatore laico
.
19. maurizio fumo, “ne cives ad arma veniant”
22. andreamaestri, pedofilia ecclesiastica e concordato
23. mozione, contro ogni privilegio che copre l’abuso sessuale
25. carla corsetti, perché la chiesa protegge ancora i preti stupratori
27. gaetano salvemini, la politica ecclesiastica nell’italia di domani
.
critica liberale
.
32. fondazione critica liberale, che fare dopo il referendum
.
l’altra sinistra
.
33. vincenzo visco comandini, federico comandini, azionista
35. ferruccio parri, uniti contro il dogmatismo e l’opportunismo
36. italo pattarini, un pugno di uomini
37. federico comandini, panorama dell’italia libera
.
quaderno gobettiano
.
47. pietro polito, la forma della rivoluzione liberale
.
lo spaccio delle idee
.
51. pierfranco pellizzetti, liberalismo, liberalismi, socialismo
.
la lezione
.
54. paolo bagnoli, piero gobetti: l’oppositore illiberale?
.
.
.
Critica liberale può essere acquistata anche on line attraverso il sito delle Edizioni Dedalo con transazione crittografata e protetta.
.
.A ROMA IL FASCICOLO PUO' ESSERE ACQUISTATO ANCHE PRESSO L'EDICOLA DEI GIORNALI IN PIAZZA DEL PARLAMENTO.
.
Il numero di “Critica liberale” può essere acquistato nelle seguenti librerie:
&&&&&&&&&& PIEMONTE &&&&&&&&&&
BORGOMANERO
EP, v.le marazza, 10  galleria principe
VERBANIA
MARGAROLI, corso mameli, 55
&&&&&&&&&& LOMBARDIA &&&&&
ASSAGO
INTERNET, via verdi, 8
BRESCIA
CENTRO, via di vittorio, 7/c
CENTRO, via galvani, 6 c/d (SAN ZENO)
MILANO
PUCCINI, via boscovich, 61
EMME ELLE, via marsala, 2
FELTRINELLI, corso buenos aires, 33/35
FELTRINELLI, via u. foscolo, 1/3
FELTRINELLI, via manzoni, 12
PUCCINI, c.so buenos aires, 42
TADINO, via tadino, 18
&&&&&&&&&& VENETO &&&&&&&&&&
TREVISO
CANOVA, piazzetta lombardi, 1
VICENZA
GALLA, c.so palladio, 11
GALLA LIBRACCIO, corso palladio, 12
&&&&&&&&&& TRENTINO ALTO ADIGE&&
TRENTO
RIVISTERIA, via s. vigilio, 23
&&&&&&&&&& EMILIA-ROMAGNA &&
BOLOGNA
FELTRINELLI, via dei mille, 12/abc
PARMA
FELTRINELLI, strada farini, 17
RAVENNA
FELTRINELLI, via diaz, 4-6-8
REGGIO EMILIA
UVER, viale e. simonazzi, 27
UVER, via maestri del lavoro, 10/b
&&&&&&&&&& UMBRIA &&&&&&&&&&
TERNI
ALTEROCCA, corso cornelio tacito, 29
&&&&&&&&&& LAZIO &&&&&&&&&&
ROMA
EDICOLA GIORNALI, piazza del parlamento
FELTRINELLI, largo torre argentina, 5
&&&&&&&&&& PUGLIE &&&&&&&&&&
BARI
FELTRINELLI, via melo, 119




sue
 
newsletter

Iscriviti a RadioLondra
la newsletter di Critica

 
libelli

 
network







 
partner





 
home chi siamo cosa facciamo link cerca nel sito
comitato di presidenza onoraria
Mauro Barberis, Piero Bellini, Daniele Garrone, Sergio Lariccia, Pietro Rescigno, Gennaro Sasso, Carlo Augusto Viano, Gustavo Zagrebelsky.

* Hanno fatto parte del Comitato di Presidenza Onoraria: Norberto Bobbio (Presidente), Vittorio Foa, Alessandro Galante Garrone, Giancarlo Lunati, Italo Mereu, Federico Orlando, Claudio Pavone, Alessandro Pizzorusso, Stefano Rodotà, Paolo Sylos Labini. Ne ha fatto parte anche Alessandro Roncaglia, dal 9/2014 al 12/2016.

Consulta i nostri testi cliccando sui libri:


 
Lo spazio dei lettori.
Eventi, segnalazioni, convegni...

l'appello di anna falcone e tommaso montanari, con una postilla di Critica liberale

anna falcone - tommaso montanari, e critica liberale

2 commenti
Siamo di fronte ad una decisione urgente. Che non è decidere quale combinazione di sigle potrà sostenere il prossimo governo fotocopia, ma come far sì che nel prossimo Parlamento sia rappresentata la parte più fragile di questo Paese e quanti, giovani e meno giovani, in seguito alla crisi, sono scivolati nella fascia del bisogno, della precarietà, della mancanza di futuro e di prospettive. La parte di tutti coloro che da anni non votano perché non credono che la politica possa avere risposte per la loro vita quotidiana: coloro che non sono garantiti perché senza lavoro, o con lavoro precario; coloro che non arrivano alla fine del mese, per stipendi insufficienti o pensioni da fame.
La grande questione del nostro tempo è questa: la diseguaglianza. L'infelicità collettiva generata dal fatto che pochi lucrano su risorse e beni comuni in modo da rendere infelici tutti gli altri.
La scandalosa realtà di questo mondo è un'economia che uccide: queste parole radicali – queste parole di verità – non sono parole pronunciate da un leader politico della sinistra, ma da Papa Francesco. La domanda è: "è pensabile trasporre questa verità in un programma politico coraggioso e innovativo"? Noi pensiamo che non ci sia altra scelta.
E pensiamo che il primo passo di una vera lotta alla diseguaglianza sia portare al voto tutti coloro che vogliono rovesciare questa condizione e riconquistare diritti e dignità.
Per far questo è necessario aprire uno spazio politico nuovo, in cui il voto delle persone torni a contare. Soprattutto ora che sta per essere approvata l'ennesima legge elettorale che riporterà in Parlamento una pletora di "nominati". Soprattutto in un quadro politico in cui i tre poli attuali: la Destra e il Partito Democratico – purtroppo indistinguibili nelle politiche e nell'ispirazione neoliberista – e il Movimento 5 Stelle o demoliscono o almeno non mostrano alcun interesse per l'uguaglianza e la giustizia sociale.
Ci vuole, dunque, una Sinistra unita, in un progetto condiviso e in una sola lista. Una grande lista di cittadinanza e di sinistra, aperta a tutti: partiti, movimenti, associazioni, comitati, società civile. Un progetto capace di dare una risposta al popolo che il 4 dicembre scorso è andato in massa a votare No al referendum costituzionale, perché in quella Costituzione si riconosce e da lì vorrebbe ripartire per attuarla e non limitarsi più a difenderla.
Per troppi anni ci siamo sentiti dire che la partita si vinceva al centro, che era indispensabile una vocazione maggioritaria e che il punto era andare al governo. Da anni contempliamo i risultati: una classe politica che si diceva di sinistra è andata al governo per realizzare politiche di destra. Ne portiamo sulla pelle le conseguenze, e non vogliamo che torni al potere per completare il lavoro.
Serve dunque una rottura e, con essa, un nuovo inizio: un progetto politico che aspiri a dare rappresentanza agli italiani e soluzioni innovative alla crisi in atto, un percorso unitario aperto a tutti e non controllato da nessuno, che non tradisca lo spirito del 4 dicembre, ma ne sia, anzi, la continuazione. Un progetto che parta dai programmi, non dalle leadership e metta al centro il diritto al lavoro, il diritto a una remunerazione equa o a un reddito di dignità, il diritto alla salute, alla casa, all'istruzione. Un progetto che costruisca il futuro sull'economia della conoscenza e su un modello di economia sostenibile, non sul profitto, non sull'egemonia dei mercati sui diritti e sulla vita delle persone. Un progetto che dia priorità all'ambiente, al patrimonio culturale, a scuola, università e ricerca: non alla finanza; che affronti i problemi di bilancio contrastando evasione ed elusione fiscale, e promuovendo equità e progressività fiscale: non austerità e politiche recessive.
Un simile progetto, e una lista unitaria, non si costruiscono dall'alto, ma dal basso. Con un processo di partecipazione aperto, che parta dalle liste civiche già presenti su tutto il territorio nazionale, e che si apra ai cittadini, per decidere insieme, con metodo democratico, programmi e candidati.
Crediamo, del resto, che il cuore di questo programma sia già scritto nei principi fondamentali della Costituzione, e specialmente nel più importante: «Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale, e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese» (art. 3).
È su questa piattaforma politica, civica e di sinistra, che vogliamo costruire una nuova rappresentanza. È con questo programma che vogliamo chiamare le italiane e gli italiani a votare.
Vogliamo che sia chiaro fin da ora: noi non ci stiamo candidando a guidarla. Anzi, non ci stiamo candidando a nulla: anche perché le candidature devono essere scelte dagli elettori. Ma in un momento in cui gli schemi della politica italiana sembrano sul punto di ripetersi immutabili, e immutabilmente incapaci di generare giustizia ed eguaglianza, sentiamo – a titolo personale, e senza coinvolgere nessuna delle associazioni o dei comitati di cui facciamo parte – la responsabilità di fare questa proposta. L'unica adeguata a questo momento cruciale. Perché una sinistra di popolo non può che rinascere dal popolo.
Invitiamo a riunirsi a Roma il prossimo 18 giugno tutti coloro che si riconoscono in questi valori, e vogliono avviare insieme questo processo.

CRITICA LIBERALE:
Abbiamo letto e in larga parte apprezzato, l'appello di Anna Falcone e Tommaso Montanari, scritto con l'obiettivo di costruire, finalmente dal basso, e senza fusioni a freddo, un soggetto politico di sinistra. Abbiamo apprezzato il metodo a-verticistico di questa iniziativa e ne apprezziamo largamente l'obiettivo. Ci corre l'obbligo, però, di fare alcune considerazioni, che, in assenza di un chiarimento, potrebbero evidentemente diventare dei veri e propri distinguo.
Troviamo sbagliato inserire in un documento politico un riferimento ad un capo religioso, ma soprattutto riteniamo intollerabile in assoluto un riferimento a “parole di verità”, siamo sempre stati gelosi custodi della cultura del dubbio, del radicale e quasi religioso principio per cui le verità assolute siano il prodromo del totalitarismo. Ancora di più, non possiamo accettare l'accostamento, benché indiretto, tra il termine “verità” e la citazione del capo di una confessione religiosa. La nostra cultura laica, priva di qualsiasi livore antireligioso, è convinta della necessità dell'affermazione integrale della libertà religiosa e dei  principi di netta separazione tra la politica e la religione. Solo una sinistra vuota e subalterna si fa dettare il programma da un capo religioso.
La considerazione, di cui siamo convinti assertori, di una assenza, almeno negli assetti politici attuali, di politiche di sinistra, come pure la convinzione che sia necessario dare corpo ad una soggettività che superi le ipocrite e furbe definizioni di centrosinistra e centrodestra, e si candidi a rappresentare i progetti, le idee, i sogni di una sinistra matura, ci spinge ad essere interlocutori di questo appello. Eppure riteniamo che in esso permangano degli equivoci su cui ci apprestiamo a fare chiarezza.
- Una nuova sinistra deve fare i conti col passato e riflettere anche sui perché le formazioni sedicenti "di sinistra" o non riescono a comprendere la società attuale o addirittura sono maschere di una destra  camaleontica. L'approccio culturale di questo appello non  tiene in minimo conto la sinistra liberale democratica e salveminiana, i leader della sinistra, con l'eccezione lodevole di Pippo Civati, hanno cancellato quel filo rosso che legava Salvemini, Gobetti, i fratelli Rosselli, Rossi e Gramsci, ricalcando le orme del negazionismo togliattiano.
* La Costituzione non può essere un programma politico, le costituzioni stabiliscono le regole, i partiti le politiche pubbliche. Mascherarsi dietro la Costituzione lascia un fondo di dubbio sulla vera questione che attiene al conflitto politico tra politiche differenti e contrastanti.
* l'uguaglianza sociale è un'utopia, legata a un modello politico culturale: il comunismo, che, ci pare, è  stato storicamente sconfitto dopo aver costruito un terribile sistema totalitario. Il termine “equità” al posto di uguaglianza, se diamo ancora peso al significato dei termini, sarebbe più corretto. L'obiettivo di una sinistra moderna deve essere garantire uguaglianza nelle opportunità, libertà nelle scelte ed equità nel sociale, elaborando un "ascensore sociale" funzionante. Per fare questo, è necessario impegnarsi nella realizzazione di un riaggiornato welfare, concetto e strumenti ideati dal liberale Beveridge negli anni quaranta.  Oltre a enunciare i diritti, tra i quali incredibilmente manca qualsiasi riferimento ai diritti individuali e di libertà, sarebbe stato meglio dare qualche indicazione sul come. Il diritto alla casa può essere garantito con politiche di welfare, con cementificazione indiscriminata o anche con l'esproprio e la nazionalizzazione della proprietà edilizia, tre politiche evidentemente profondamente diverse.
* Per combattere il neoliberismo, che peraltro è solo una caricatura di una economia liberale, è necessario rimuovere tutte i condizionamenti culturali che lo contraddistinguono: i più diffusi  consistono nella confusione tra successo e merito, tra produzione e mercificazione di tutto.
* Apprezziamo e condividiamo  la seconda parte dell'appello, ma non possiamo non far notare che in essa manca totalmente qualsiasi riferimento metodologico che possa garantire il superamento della politica leaderistica, a vantaggio della reale costruzione dal basso. E' necessario indicare da subito, se si è coerenti con quanto scritto, in che modo si potrà garantire a chiunque di partecipare con le stesse opportunità degli attuali e rispettabilissimi leader politici di sinistra. Troppe volte abbiamo assistito in questi anni a proclami che inneggiavano alle “scelte di popolo”, il ricorso a masse private di qualsiasi regola di garanzia e "massaggiate" da una propaganda invasiva, frutto dall'assenza totale di una politica dell'informazione da parte dell'attuale pseudo sinistra. Così si è sfociati in un demagogico plebiscitarismo, che  si è concretizzato in sregolate primarie truffaldine. Per garantire le scelte “dal basso” è indispensabile ragionare sui diritti e sulle forme di partecipazione di ogni singolo cittadino
Chiarite queste, non piccole questioni, siamo pronti a dare, culturalmente e fattivamente, il nostro contributo.

{ Pubblicato il: 11.06.2017 }




Stampa o salva l'articolo in PDF

Argomenti correlati: FALCONE, MONTANARI, EVIDENZA, CHE FARE, SINISTRA, ALTRA SINISTRA - 2 commenti


Commento inserito da Franceso Pelillo il 13.06.2017:
Ma, poveretti, non vi siete accorti che tutte queste istanze sono rappresentate dal M5S che è già il più grande partito italiano? Non c'è nulla da costruire. Basta solo dargli una mano...
Commento inserito da P.Pierangelini il 13.06.2017:
Condivido in pieno il contenuto dell'articolo, l'appello di Falcone e Montanari pur lodevole è una mera petizione di principi giusti e basta. Va bene partire dalla Costituzione (meglio di andargli contro sistematicamente) anche se non è sufficiente. Il problema è che la sinistra-sinistra fino ad oggi o si è chiusa in posizioni nostalgiche di nicchia e di retroguardia o ( vedi Bertinotti) addirittura favorito la destra (ad esempio il famoso slogan anche i ricchi piangano). Sicuramente in Italia c'è spazio per una componente laica liberale, forse sarebbe meglio chiamarla liberal perché i liberali in Italia hanno assunto valenze ormai negative, e progressista ma non nel senso tardo-marxista ne tanto meno liberista. Credo che comunque tale componente rimanga minoritaria in Italia come è sempre stato a partire dal Partito D'Azione, anche se necessaria, non so chi possa rappresentare come leadership tale componetene ( contano i programmi ma non si può far finta che non conti la leadership) l'unico è Civati che però vedo isolato o male accompagnato (D'alema e Bersani) insomma non facciamoci illusioni.