Fondazione Critica Liberale   'Passans, cette terre est libre' - Abbiamo scelto come logo la fotografia d'un autentico 'Albero della Libertà ancora vivente. È un olmo che fu piantato nel 1799 dai rivoluzionari della Repubblica Partenopea, Luigi Rossi e Gregorio Mattei, a Montepaone Superiore, paese dello Jonio catanzarese. La scritta &lequo;passans ecc.» era qualche volta posta sotto gli 'Alberi della Libertà' in Francia.
 
Direttore: Enzo Marzo

Dal 1969 la voce del pensiero laico e liberale italiano e della tradizione politica che difende e afferma le libertà, l'equità, i diritti, il conflitto.

"Critica liberale" segue il filo rosso che tiene assieme protagonisti come Giovanni Amendola e Benedetto Croce, Gobetti e i fratelli Rosselli, Salvemini ed Ernesto Rossi, Einaudi e il "Mondo" di Pannunzio, gli "azionisti" e Bobbio.

volume XXIV, n. 231 primavera 2017

....................... IL PAESE E' MARCIO - MA C'E' UN'"ALTRA ITALIA"?

INDICE

astrolabio
.
3. enzo palumbo, bello e impossibile! - un sistema elettorale liberale
5. riccardo mastrorillo, il sistema ideale
6. pierfranco pellizzetti, la truffa semantica del populismo
12. carla rossi, sullo stato delle tossicodipendenze
.
crocodile
.
17. pier virgilio dastoli, più ponti e nessun muro
.
l’osservatore laico
.
19. maurizio fumo, “ne cives ad arma veniant”
22. andreamaestri, pedofilia ecclesiastica e concordato
23. mozione, contro ogni privilegio che copre l’abuso sessuale
25. carla corsetti, perché la chiesa protegge ancora i preti stupratori
27. gaetano salvemini, la politica ecclesiastica nell’italia di domani
.
critica liberale
.
32. fondazione critica liberale, che fare dopo il referendum
.
l’altra sinistra
.
33. vincenzo visco comandini, federico comandini, azionista
35. ferruccio parri, uniti contro il dogmatismo e l’opportunismo
36. italo pattarini, un pugno di uomini
37. federico comandini, panorama dell’italia libera
.
quaderno gobettiano
.
47. pietro polito, la forma della rivoluzione liberale
.
lo spaccio delle idee
.
51. pierfranco pellizzetti, liberalismo, liberalismi, socialismo
.
la lezione
.
54. paolo bagnoli, piero gobetti: l’oppositore illiberale?
.
.
.
Critica liberale può essere acquistata anche on line attraverso il sito delle Edizioni Dedalo con transazione crittografata e protetta.
.
.A ROMA IL FASCICOLO PUO' ESSERE ACQUISTATO ANCHE PRESSO L'EDICOLA DEI GIORNALI IN PIAZZA DEL PARLAMENTO.
.
Il numero di “Critica liberale” può essere acquistato nelle seguenti librerie:
&&&&&&&&&& PIEMONTE &&&&&&&&&&
BORGOMANERO
EP, v.le marazza, 10  galleria principe
VERBANIA
MARGAROLI, corso mameli, 55
&&&&&&&&&& LOMBARDIA &&&&&
ASSAGO
INTERNET, via verdi, 8
BRESCIA
CENTRO, via di vittorio, 7/c
CENTRO, via galvani, 6 c/d (SAN ZENO)
MILANO
PUCCINI, via boscovich, 61
EMME ELLE, via marsala, 2
FELTRINELLI, corso buenos aires, 33/35
FELTRINELLI, via u. foscolo, 1/3
FELTRINELLI, via manzoni, 12
PUCCINI, c.so buenos aires, 42
TADINO, via tadino, 18
&&&&&&&&&& VENETO &&&&&&&&&&
TREVISO
CANOVA, piazzetta lombardi, 1
VICENZA
GALLA, c.so palladio, 11
GALLA LIBRACCIO, corso palladio, 12
&&&&&&&&&& TRENTINO ALTO ADIGE&&
TRENTO
RIVISTERIA, via s. vigilio, 23
&&&&&&&&&& EMILIA-ROMAGNA &&
BOLOGNA
FELTRINELLI, via dei mille, 12/abc
PARMA
FELTRINELLI, strada farini, 17
RAVENNA
FELTRINELLI, via diaz, 4-6-8
REGGIO EMILIA
UVER, viale e. simonazzi, 27
UVER, via maestri del lavoro, 10/b
&&&&&&&&&& UMBRIA &&&&&&&&&&
TERNI
ALTEROCCA, corso cornelio tacito, 29
&&&&&&&&&& LAZIO &&&&&&&&&&
ROMA
EDICOLA GIORNALI, piazza del parlamento
FELTRINELLI, largo torre argentina, 5
&&&&&&&&&& PUGLIE &&&&&&&&&&
BARI
FELTRINELLI, via melo, 119




sue
 
newsletter

Iscriviti a RadioLondra
la newsletter di Critica

 
libelli

 
network







 
partner





 
home chi siamo cosa facciamo link cerca nel sito
comitato di presidenza onoraria
Mauro Barberis, Piero Bellini, Daniele Garrone, Sergio Lariccia, Pietro Rescigno, Gennaro Sasso, Carlo Augusto Viano, Gustavo Zagrebelsky.

* Hanno fatto parte del Comitato di Presidenza Onoraria: Norberto Bobbio (Presidente), Vittorio Foa, Alessandro Galante Garrone, Giancarlo Lunati, Italo Mereu, Federico Orlando, Claudio Pavone, Alessandro Pizzorusso, Stefano Rodotà, Paolo Sylos Labini. Ne ha fatto parte anche Alessandro Roncaglia, dal 9/2014 al 12/2016.
 
Lo spazio dei lettori.
Eventi, segnalazioni, convegni...

lettera petizione al presidente della repubblica

antonio caputo

1 commento
Ill.mo Presidente , intervenga!
Sottoscriviamo per  evitare di aver ancora una volta un parlamento di nominati e Impedire l'abuso di una terza legge elettorale incostituzionale , emanata alla vigilia della scadenza elettorale, scoraggiando il voto,  la partecipazione attiva e il pari diritto di elettorato passivo.
Di fronte all''imminente approvazione di una nuova legge elettorale, il petalo appassito del rosatellum, secondo la definizione di Michele Ainis, Repubblica del 7 ottobre, con la ragionevole probabilita' di un terzo intervento della Corte Costituzionale che, invano, nel 2013 dichiaro' l'illegittimita' del porcellum con cui siamo andati a votare per 13 anni, e quindi dell'italicum, non ci resta ora, prima di ricorrere al giudice, che appellarci al Presidente Mattarella.
Si fermi questo abuso , questo spiritello maligno che si annida nei banchi di un parlamento occupato anche da chi lucrò l'illegittimo premio di maggioranza del porcellum e, imponendone l'approvazione con incostituzionale voto di fiducia , dell'italicum, promulgato ed entrato in vigore, sia pure non attuato unicamente per l'intervento della Corte costituzionale determinato dalla meritoria azione giudiziaria di alcuni volenterosi avvocati e dal loro civismo.
Dandosi per scontato il funerale, poi non avvenuto a furor di popolo referendario , del Senato della Repubblica elettivo.
Si fermi l'abuso di una legge che nasce per favorire qualcuno e sfavorire qualcun altro, nella logica vendicativa di cui scrive Ferruccio De Bortoli , Corriere della Sera del 5 ottobre.
Una legge incostituzionale che sottrae all'elettore il diritto di scegliere i propri rappresentanti, per effetto del permanere di liste bloccate e del numero esorbitante di parlamentari nominati dalle segreterie ristrette dei partiti e non scelti dagli elettori. regalando all'elettore una sola scheda , per collegio uninominale e collegi plurinominali , entrambe prefabbricate, senza possibiltà di voto disgiunto e di indirizzare il proprio voto, avvantaggiando con criteri partititocratici  alcuni candidati rispetto ad altri.
Si fermi l'abuso di una legge elettorale approvata a pochi giorni dalla fine della legislatura., in violazione di norme europee di rango superiore che non consentono di approvare nuove leggi elettorali a pochi giorni dal voto..
In Italia, l'abitudine di cambiare le regole del gioco a pochi mesi dalle elezioni è prassi che pare normale.
Così è accaduto nel 1923-4 con la 'legge Acerbo'; nel 1953 con la 'legge-truffa'; nel 1993-4 con la 'legge Mattarella'; nel 2005-6 con la 'legge Calderoli'".
Puo' avvenire oggi con il Rosatellum bis.
Il sospetto che questa modifica sia inficiata da ragioni di convenienza politica, in queste circostanze, è ora una certezza.
In presenza di un sistema elettorale autosufficiente, come emerso dalle sentenze 1/2014e 35/2017 della Corte Costituzionale su Porcellum e Italicum, non va ignorata la prescrizione, che è a un tempo precetto, suscettibile di sanzioni dinanzi alla Corte europea di Strasburgo, del "codice delle buone pratiche in materia elettorale".
Che integra l'articolo 3 del Protocollo n. 1 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, diritto a elezioni libere ed eque.
Articolo 3
Le Alte Parti contraenti si impegnano a organizzare, a intervalli ragionevoli, libere elezioni a scrutinio segreto, in condizioni tali da assicurare la libera espressione dell'opinione del popolo sulla scelta del corpo legislativo.
Codice delle buone pratiche adottato dalla Commissione di Venezia nel corso della 52ª sessione (Venezia, 18-19 ottobre 2002):
Livelli normativi e stabilità del diritto elettorale
A. A eccezione delle disposizioni tecniche e di dettaglio - che possono avere un carattere regolamentare - le norme del diritto elettorale devono essere almeno di rango legislativo.
B. Gli elementi fondamentali del diritto elettorale, e in particolare del sistema elettorale propriamente detto, la composizione delle commissioni elettorali e la suddivisione delle circoscrizioni non devono poter essere modificati nell'anno che precede l'elezione, o dovrebbero essere legittimati a livello costituzionale o a un livello superiore a quello della legge ordinaria.
Intervenga il Presidente  Mattarella , nell'esercizio delle sue alte funzioni e di rappresentante dell'unita' nazionale e  di custode della legalità costituzionale e moralità repubblicana !
Richiamando il Parlamento al rispetto di  regole di pubblica moralita' politica e di legalita' , nell'esercizio delle prerogative di cui agli artt.87 1 co e 74 Cost. (invio alle Camere di messaggio motivato;in ipotesi anche per una nuova deliberazione in sede di richiesta di promulgazione, ove il Parlamento si rivelasse sordo).
PER FIRMARE

{ Pubblicato il: 08.10.2017 }




Stampa o salva l'articolo in PDF

Argomenti correlati: rosatellum - Un commento


Commento inserito da angelo il 09.10.2017:
Questa cosa dei nominati è una fregnaccia, sono liste di quattro candidati, di cui passa il primo o al massimo il secondo, praticamente quasi uninominali. Chi vota sceglie tra il primo (o i primi due) di un partito rispetto a quelli degli altri. Capisco si rimpiangano le preferenze con le carrettate di voti raccattate dai politici più clientelari, però adesso è diventata una litania insopportabile